DOGNA 
 

Il primo sito online dedicato al comune di Dogna (UD)
------------------


POESIE CANZONI PROVERBI CULINARIA BARZELLETTE VIGNETTE FRIULANISMI   DIZIONARIO  

    POESIE

  Miro (Frako)
Lavori saltuari : tappare i buchi delle strade
Dogne, primavere dal 1931 io'vevi 17 ans
   

 

SIN CATRAMADORS: 

Il Gino a la finit 
e cul Agolzer nu sa spedit
L'Agolzer nol sa ce fa
e nu sa metut a catramaa.

Doi par,son  dividut
dal punt  di mur a Resiute sin metuz 
In t'un lunis vin scominciat 
e dut l'occorint nu sa consegnat. 

Le scove e il trivel 
le spazule e il pinel
le seele par ciatale 
al Gino via scugnuut  domandale   

A le un sporch di lavor
a f  il catramador 
ma tocie ciapale  cul rasegnazion 
se si ul  finii  le stagion

Il Lino da le Este
al gavile e al proteste 
nol  a nancie  comenciat  
che l'  dut imbosemat.   

Ce tant cal tocje lavoraa 
se ul dutis li busis  si ul stropaa
no vin nancje stropadis trei  
che vin il catram in tai  cjavei.   

Al Miro ai v  tor  il cur
a scuegnii l  fin al punt di mur
a nol pense di staa
parc plui di quadrante oris nol puesh faa.   

A non il Gaetan
a nus alce  tant di man
al contentin 
che i flechin il stradon.   

Dome il Dree  stradin 
al scombat su pal gravin
"le piazole no lasciale 
cencie prime comedale".   

Qualche volte l'  indafarat 
se qualche buse a vin lassat
savin ce che vin di faa 
cencie sintii  tant a bruntulaa.   

A l' un bel mistirut
peciat che al dure  pocut: 
un cul pilel a catramaa, 
e chel  altri cul gravin a semenaa.   

Bisugne atentz staa
se si ul ta  l'ospedal  no laa. 
Nol passe un moment
che no l' qualche inconvenient.   

Une motociclete 
mi a portat vie le borsette
un auto nu sa rott 
duch i doi pipinots.   

A une femenute 
a steve  ben le scovute
dula che le vin platade 
nu sa le a cjatade.   

A vin fat indaginis e scrutinaat
ma il larii  le restat  plataat 
e vin scugnut rasegnasi
e un'altre scove  comprasi.   

Cumo' us ai spiegaat 
ce ca  le'c'est mistir  sfondraat 
Cirarin di dismentealu 
cence mai pui imparalu.     

                      Miro {Frako}


Ettore Cappellari
Pleziche (ce chal restt)

Sot dal Juf
tal mie le val
un pugn di cjasis
sul cret a stn.

Prts, orts bandonts,
di pins circondadis,
brundulrs, perrs,
cocolrs ducj spelacjts.

Un cjamin sl
al stentave a fum,
une femine vecje
le lum impiave.

A son agns passts,
le piule comunitt,
che contente a viveve,
a son scjampts

Eh, nol plui che vecje
che cjalava sui punts
spetant la s int,
sl i ricuarts di n lontans.

 

Quello che rimasto di Pleziche

Sotto il Montasio
in mezzo alla valle
un gruppetto di case
giaciono sulla roccia.

Prati, orti abbandonati
e di pini circondate,
prugni, peri, noci,
con la corteccia cadente.

Un camino solamente
a stento fumava,
una donna anziana
legnetti resinosi accendeva.

Ormai sono passati anni
quella piccola comunit,
che contenta viveva,
ha lasciato le proprie case.

Non c neppure quella vecchia,
che guardava verso i Punts
aspettando la sua gente.
Sono rimasti solo i ricordi
che custodiamo noi che siamo lontani.

Ettore Cappellari

Oh, biel Monts!
 
O sin tornts sot il Monts,
dul si sint profum di mught.
I prats a son plens di ristis,
e no si viout inm i sclopts.

Li stalutis chs alpinis,
a son lass tai crets adalt.
Li trmin di ligrie, cun lajart
cujt, cujt.

Oh ce biel, ce biel chest lc,
cjaln, cjaln l gnostris monts.
Tal gnostri cr a son tani ricuarts,
gjoldin, gjoldin le tante ps.

A lunc, a lunc restin insieme,
sot chest biel cl, sot chest biel cl
chal sa tant di parads.



Oh, bel Montasio!

Siamo ritornati ai piedi del Montasio,
dove si sente profumo di mughetto.
I prati sono pieni di fiorellini,
e non si vedono ancora le genziane.

Le stelle alpine si trovano,
lass sulle rocce in alto.
Esse tremano di allegria, col venticello
calmo, calmo.

Oh, che bello, che bello questo luogo.
Osserviamo, osserviamo i nostri monti.
Nel nostro cuore ci sono tanti ricordi,
godiamo, godiamo la tanta pace.

Per lungo tempo restiamo insieme,
sotto questo bel cielo, sotto questo bel cielo
che sa tanto di Paradiso.

Esterina Compassi (da vecchie filastrocche)

Ursule parusule
ce fastu sun che vit
j mangi pan e coculis,  
j spieti gn mart.

Gn marit a le lt in France
a compr une balnce ,
par pes gn barbe crt,
cal pesve cent e vt.

Cent e vt a nol rivve
al jvave le matne
al scovve le cusine
al fasve il cafett
viva viva l'oment

Nan cic codi
di gracjie che ti hi
se no ti ves
in tal frsc no stars.


Dolores Soprano

Le prejere dal frut .

Cumo mi pon a chi
no sai se rivi al di
riva o no riva
hai pecjats di confes
in dai di picui ,in dai di grands
il Signor e le Madone
mai perdoni dučh cuančh
dučh
lu dis duc lu sa
che il Signor l'e il gno papa`
e che l'e le Madone
le me mame cus bone
e che i sanz dal paradis
son miei fradis miei amis
e me surs a son i sants
incrosadis duti quantis

Gianky

Vecje prejere

Io signor mi pon a chi
ma no sai se rivi al di
O riv o no riv
che il signor mi vegni a compagn


Dolores Soprano

Chel ričot parsore il vouli
no lu vesio mai vedut
a le stat le me ruvine
su le flor de gioventut
l'ampasst ma le ğholdevi
su le fieste a bal
e chest an su le cinise
cu le scune a nič

Dolores Soprano

Duc mi disin čholilu čholilu
quant che a mi, no mi plas
ca s'al tign so marate
che s'al pičhi sot i tras

Un Emigrant   Sconosciuto


LE NOSTALGIE DAL MONTAS DI UN EMIGRANT :

Une zornade a cjala il cil,
Ma no le'il cil biel seren.
Luscint le matine e plen di stelis ...
Quant ormai al ven le sere.

Qui eisal stat a robaa il nostri cil,
Li montagnis ,e il profum da l roscis,
Le gleisce di S.Laurinc,
in chel scenari Cal par di cjarte,
cui la portat vie i fruz
Cai giuin in place,le int ca le vosce.

E il gn Montasc che plan plan al plate il
Soreli daur di se.Ai son staz i miei voi che
Purtrop son davierz,gnot e di d, a pensaa
A te Dogne,che tu stas cuiet Dut L'unvier,pensant
Ai tiei fruz a tor pal mont a lavoraa e tu Spetis
il prin soreli cal jeve par viodju rivaa a cjatati
Dopo veju tant spetat,come une mari le spete
I siei fruz.
 

 

Luca e Marisa, Giovanni ed Elena
Domenica 24 gennaio 2010


Se vai nelle Giulie, ovunque lo vedrai
il pi bello, il pi maestoso
Jf di Montasio re delle Giulie

Ovunque dalla Val Dogna,
dalla Saisera e da Nevea
lo vedrai come un re dominar

Ascolta! senti questi canti?
questi canti sono un inno
sono un inno alla Montagna
alle Giulie, al Montasio


Egle Sgobaro

Luna
Che sfiori le montagne
Portami il canto del fiume
E gli alberi
E il vento
E i fiori tutti

Portami il respiro
dell'amata terra

S'adorni di bellezza
Questo nulla


Luigia Tassotto

Foto ingiallite dal tempo
aprono il cuore a vivi ricordi.
Memorie
di giorni felici,
di volti sereni e famiglie di cuore.
Memorie
di un borgo di paese.
Grancolle,
che sorridi
e ascolti
il leggero respiro del Montasio.


Ettore Cappellari

Pleziche

Rumr di palis tal pedrt
cualchidun al vier un troi
te contrade dal borc: nf,
dapardut e a'n' cole ancjem.

Di matine, di gnot jevts,
cu la cosse dal fen plene,
dal stali gnf, a puartin
a lis vacjs ... te stale spetin.
Nadl al rivt,
la cusine dal fc scjaldade,
e il profum dai sterts
cul cafelat za prepart.


Te cjase de none Zele
1 'arbui di Nadl, il presepio
dal Milio su la taule al ,
e un lumin a vueli al rt.
N su la place ch'o cjaln in alt,
plui su dal r de gorne,
la nf ch'a cole... samee di l
di corse in s tal cl.


Bichigne la cjare e frt,
e sglonf, pels il mussic,
e la puarte in sfrese si vit:
al invir, al Nadl.
Nus clamin, lis mans fredis o vn
il floc sul ns al pice, sui vi al fs
ml, ma ancjem o voln cjal,
i flocs de nf par arie zr.
               


Ilaria Martina

Dopo le ploe al ven il seren
ed al brile in cil l'arcobalen

Al'e' come un punt imbandierat
ed il soreli al passe, festeggiat.

 

Dopo la pioggia viene il sereno
e brilla in cielo l'arcobaleno

E'come un ponte imbandierato
ed il sole passa festeggiato


Ettore Cappellari

Bone gnot soreli

Cuant chal calave j in ta mont,
someave chal ls plui svelt a tramont.
Ma latenzion di un frut content,
vars volt trategnilu un moment.

Nol ere il surlon, dal dut j lt,
une vergule luminse, mie cet.
Al coreve sul prt, a pierdiflt,
par podlu di gnuf, intr cjalt.

Buine gnot sorli. Il bosc lu fermt.
Calave la sere, faseve pens,
sul Plan da le Frate che dut intr ts.

Adore, par prin, lu tornave a salud.
Il s cr zovin, simpri a cualchidun
al ere fidt, nue di ce procup.
Buonanotte sole

Quando il sole calava vicino alla montagna,
sembrava che andasse a tramonto pi in fretta.
Ma lattenzione di un bambino contento,
avrebbe voluto trattenerlo un momento.

Questa grande sfera, non del tutto nascosta,
era un mezzo cerchio luminoso che ancora accecava.
Il bimbo correva, in salita, sul prato a perdifiato,
per poterlo rivedere tutto intero.

Buonanotte sole. Non cera pi prato, il bosco lo fermava.
Calava la sera, faceva pensare,
sul Plan da le Frate dove tuttintorno taceva.

Alla mattina, per primo lo ritornava a salutare.
Il cuore di quel bambino era sempre affidato a qualcuno e,
lui non aveva nulla di cui preoccuparsi.

Ettore Cappellari

Le strade da le vite
 
Omp gno, se tu vs movicji ta vite,
le cjatars difizilmentri lisce.
Cuasi mai sl asfalt, in plan drete,
di strane fisionomie, ancje strente.

Pussibilmentri di gnot no cjamin,
improvisamentri atr mai cjal.
Modracs, liparis, tn vierts i vi,
su le strade, muletiere o tri.

Montadis, caladis, tantis voltadis,
masse st, bagnat,tu s di calcol,
il timp a disposizion par riv.

Salt simpri sui clas, e s cualche tp,
cun balestris bonis, amortizzatrsc
soredut, par no col j tai rs.
La strada della vita

Uomo mio, se vuoi muoverti nella vita,
la strada troverai difficilmente dritta.
Quasi mai asfaltata, in piano e dritta,
di strana fisionomia, anche stretta.

Possibilmente di notte non camminare,
improvvisamente in giro mai guardare.
Serpenti, vipere, tieni aperti gli occhi,
sulle strade, mulattiere o sentieri.

Salite, discese, tanti tornanti,
troppo asciutto, bagnato, tu devi calcolare
il tempo a tua disposizione per arrivare.

Salta sempre sui sassi, e su qualche gradino,
con balestre buone ammortizzatori
sopratutto, per non cadere gi dai cigli.


Copiata da Internet da    Iva Compassi
 

Scoltait se che vi cianti!!
Scoltait attentamenti!!
Lasait co cianti se c'o ai dentri!!

Cuant chi mi svei le matine
o voi in cusine o viars le persiane
e o viot che slavine
plui tost di rabiami
plui tost di avilimi
mi buti sul liet
... par torna a indurmidimi:
par me l' important
a le di sedi nostran

O SOI FURLAN!!

Cuant chi soi vie cu i amis
in qualsiasi pais
o sint dentri ne vos
dal Friul cha nus dis
di fa un grum di casin
di cianta par furlan
di sta simpri contens
e di dasi une man
brindant a le vite cul neri e cul blanc

O SOI FURLAN!!

no stai a preocupasi!!
se an voe di bindolami !!
io dal forest o sai parami!!

io no sarai el lui braf
io no sarai el plui biel
ma pero soi furlan
mi contenti di chel
no varai biele vos
no sarai plen di bes
ma pero o ai une robe
che vualtri no ves
l' amor pal Friul ca le simpri plui grant
o soi furlan!!

Bruna

No domanda'a une fuee di no movisci
No le puesc, a le' l'aiar,

No domanda' al soreli di jevaa  do voltis al di',
Nol puesc ,ca l'  le gnot.

No domanda' mai ad un omp di vivi par simpri
Che purtrop  nol puesc ca l' le muart.

E no domanda'a c'est  cur di no vole' ben al friul,
Nol puesc parce'che a le il cur di un ver furlan.